Chi ha costruito il Muro di Berlino?

Chi ha costruito il Muro di Berlino?

Riflessioni sulla Guerra fredda di Giulietto Chiesa

Il Muro costituisce la metafora e la sintesi dell’intera Guerra fredda. È
uno dei principali fondamenti della sconfitta definitiva del socialismo
reale, di fronte alla straordinaria capacità affabulatrice del capitalismo
nella sua fase matura. Ma il Muro segna anche, al tempo stesso, l’inizio
della manipolazione di massa in forme completamente nuove rispetto al
passato e il mutamento radicale delle stesse forme della competizione
geopolitica.

Per capire il significato che il Muro ha assunto nell’immaginario
collettivo dell’Occidente, si può partire dal discorso che il presidente
americano John Kennedy pronunciò il 26 giugno 1963 a Berlino, dall’alto
di un’impalcatura nei pressi della porta di Brandeburgo, dal quale poteva
gettare uno sguardo dall’altra parte: “Ci sono molte persone al mondo
che non comprendono, o non sanno, quale sia il grande problema tra il
mondo libero e il mondo comunista. Fateli venire a Berlino! Ve ne sono
alcuni che affermano che il comunismo rappresenta l’onda del futuro.
Fateli venire a Berlino! Ve ne sono altri, in Europa e altrove, che invitano
a collaborare con i comunisti. Fateli venire a Berlino! […] Tutti gli
uomini liberi, ovunque essi vivano, sono cittadini di Berlino. Ecco
perché, come uomo libero, sono orgoglioso di gridare Ich bin ein
Berliner, sono un berlinese”.

Quell’esclamazione fu il titolo di migliaia di articoli, di trasmissioni
radio, di reportage televisivi. Il Muro di Berlino era stato alzato da due
anni. Era sorto il 13 agosto del 1961 e da quel momento divenne la
bandiera, il simbolo, la dimostrazione definitiva della totale
incompatibilità tra il ‘mondo della libertà’ e il comunismo sovietico.
Kennedy aveva definito le linee di demarcazione ideali alle quali ci si
sarebbe dovuti attenere:

  • i due sistemi sono incompatibili;
  • non ci può essere collaborazione tra di loro;
  • noi siamo la libertà, loro l’oppressione.

La Guerra fredda era già cominciata da tempo. In realtà subito dopo la
conferenza di Jalta. Ma, fino a quel momento, non aveva ancora trovato
il suo inno, la sua motivazione ideologica, la sua rappresentazione.

Oggi, a 30 anni dalla caduta del Muro, possiamo già intravedere il
baccanale delle celebrazioni di quella vittoria. È già avvenuto nel
decennale e nel ventennale, ma al terzo decennio dal crollo sarà di molto
superiore. Ed è chiaro il perché.

C’è una ragione precisa per questo ‘innalzamento del volume’: tanta più
enfasi sarà data all’evento quanto più serio è oggi il pericolo di una
revisione di quella narrazione. È già in azione un esercito di agiografi che
sottolineeranno i fasti di quel trionfo: proprio per sommergere sul
nascere ogni tentativo di contestarlo. Il fatto è che quel trionfo deve
essere illustrato e spiegato a una nuova generazione che non lo conosce,
che non l’ha vissuto. Specie in quest’Europa attuale (che di quella vittoria
è la diretta conseguenza) bisognerà spiegare che essa era l’unica possibile
soluzione, nell’interesse dell’Impero del Bene.

Compito degli agiografi, in primo luogo, sarà quello di impedire che
qualcuno si faccia venire in mente la domanda seguente: perché quel
muro fu costruito? Per intravedere la risposta basterebbe dare
un’occhiata alla cronologia degli eventi. E poi riflettere. La Germania fu
divisa, per accordo dei tre vincitori (la Francia fu inclusa dopo) in zone di
occupazione. Lo decisero la Conferenza di Jalta (4-11 febbraio 1945) e la
Conferenza di Berlino-Potsdam (17 luglio-2 agosto 1945). Berlino era
caduta in mano sovietica due mesi prima, il 2 maggio 1945. Le truppe
americane arrivarono a Berlino circa un mese dopo.

Il 23 febbraio 1946 George Kennan inviò il ‘lungo telegramma’ di 8mila
parole al Dipartimento di Stato, dopo la morte di Franklin Delano
Roosevelt. E fu, appunto l’inizio della Guerra fredda. Da quel momento
la linea degli Stati Uniti cambia radicalmente. Il nuovo Presidente
americano, Harry Truman, proprio sulla scorta dell’analisi di George
Kennan, è convinto che con l’Unione Sovietica non ci potrà essere alcuna
intesa circa la gestione congiunta degli occupanti.

Di conseguenza, senza proclamarlo ma agendo con grande rapidità, gli
Stati Uniti decidono di cambiare tutte le carte in tavola. Cioè che la
Germania dovrà essere ricostruita contro l’Unione Sovietica,
nell’interesse dell’Occidente, e in primo luogo degli stessi Stati Uniti.
Tutte le intese di Jalta e Potsdam saranno dunque cancellate
unilateralmente nei mesi a venire. Il 3 aprile 1948 Harry Truman firma il
piano Marshall, che darà un formidabile impulso alla ricostruzione
politica e industriale della Germania con centinaia di miliardi di dollari
della ricca e intatta America. Il progetto è, di fatto, la messa in opera
delle conclusioni della conferenza di Bretton Woods, che era stata
convocata nel 1944, a guerra ancora in corso.

Lo squilibrio che si crea è insostenibile. L’Urss è un Paese vincitore, ma
devastato da una guerra che si è compita in gran parte sul suo territorio,
e non può reggere il confronto economico. Berlino – divisa, di comune
accordo, in quattro zone di occupazione – diventa la platea di una
contesa del tutto diseguale. Con la rivalutazione unilaterale della moneta
tedesca dell’Ovest, milioni di persone si riverseranno verso il benessere
americano. Gli occidentali formano la Repubblica Federale Tedesca il 23
maggio 1949. Ma poco prima, il 4 aprile, nasce a Washington l’Alleanza
Atlantica, la Nato.

Attenzione alle date. Il 24 giugno 1948 Stalin decide, in risposta, il blocco
di Berlino Ovest, che si trasformerà in una devastante sconfitta
propagandistica dell’Unione Sovietica. Solo dopo cinque mesi l’Urss
sostituirà, con uno Stato formalmente sovrano la propria zona di
occupazione. Il 7 ottobre 1949 nasce la Repubblica Democratica Tedesca
(DDR), con capitale Berlino (Est). Le Germanie diventano due, l’una
contrapposta all’altra. Ma non fu una scelta di Stalin.

Il Patto di Varsavia, strumento militare collettivo delle Repubbliche
Popolari dell’Est, nascerà addirittura sei anni dopo la Nato, il 14 maggio
1955. Dal 1949 al 1961, ben 2,7 milioni di persone uscirono da Berlino.
Solo nel 1960 — l’anno prima del Muro — se ne andarono in 200mila.
Alla DDR restava solo la scelta tra arrendersi e sprangare la porta. Ma i
rapporti di forza tra le due parti del Muro rimasero diseguali. Il Muro
resse per 28 anni. Adesso sarebbe tempo di dire la verità sui motivi che
lo fecero sorgere. Ma questa verità non può essere detta.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.